Benvenuto

Michele Pinto (veduta del porto di Bari)

Michele Pinto nasce il 21 giugno 1950 a Grumo Appula, un piccolo paese nell’entroterra barese.

La sua famiglia si trasferisce a Bari nel febbraio del 1965, quando egli all’età di quindici anni si iscrive all’Istituto d’Arte, per affrontare gli studi  nel settore cui sente di esprimere al meglio la sua creatività. Suoi insegnanti sono i professori Scaringi, Deiudicibus, Perelli, Marzano e  Francesco Spizzico. Volendo arricchire la sua preparazione artistica si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Lecce e facendo tesoro della esperienza, maestria e competenza dei docenti professori Raffaele Spizzico, Calabrese, Viggiano e Pietro Marino si diploma con il massimo dei voti nell’anno 1971.

Assolto il servizio militare, la ricerca del posto di lavoro come insegnante porta Michele Pinto a insegnare quale docente di Discipline Pittoriche, di Grafica Pubblicitaria, di Figurino, di Disegno e di Storia dell’Arte, a partire  dal 1973, presso gli Istituti Statali di Varese, Busto Arsizio, Novara, Roma, Trani, Bisceglie e Bari.

Non ha comunque mai lasciato che la sua vena pittorica si esaurisse. Ha continuato a dipingere alla ricerca di nuove forme espressive, nuove tecniche pittoriche, impegnandosi a coprire con colori vivaci tele grandi quanto una parete, superfici murarie (murales) nella città di Novara, nel paese di Palombaio (Bari), a inoltrarsi in esperienze di decorazione di automobili, di barche, in creazioni originali di piccole opere scultoree, sempre alla ricerca di un dialogo continuo con la realtà e l’uomo contemporaneo.

E’ oggi autore di numerose opere d’arte, che ha esposte ed espone  in numerose mostre personali e collettive, in rassegne d’arte nazionali ed internazionali (1° premio mondiale d’arte ONU Zurigo, Premio festival dell’Arte Casinò Municipale di Sanremo, Premio Accademia città di Roma, e così via).

E’ fondatore dell’Associazione “Der Garten”, docente in corsi di specializzazione per Operatori della prevenzione, esperto di attività teatrali, danza e mimo, curatore di una propria Galleria d’Arte in  viale Salandra 14, Bari.

Nel 2015 il maestro incontra la Prof. Giulia Sillato che, ammirata dal suo modo di dipingere con pennellata larga e divisa, da cui si evincono immagini ma non figure, gli propone di entrare nel METAFORMISMO, nuova chiave di lettura delle arti non figurative. In tal modo Michele Pinto si colloca egregiamente in quell’area metaformale che tende a riassorbire – attraverso un nuovo linguaggio – tutte le espressioni sinora dette “astratte”.

EVENTI

L’Arte Contemporanea nelle antiche dimore – Matera

16 ottobre – 9 novembre 2019, Ex Ospedale di San Rocco – Matera

L’Arte Contemporanea nelle antiche dimore – Montenegro

5 aprile – 5 maggio 2019, National Museum – Centjnie Biljarda -MONTENEGRO.   Inaugurazione avvenuta con la presenza del Ministro della Cultura ALEKSANDAR BOGDANOVIC, della Sovrintendente del National Museum ANASTAZIJA MIRANOVIC  e della Principessa MARIA DI SAVOIA.

L’Arte Contemporanea nelle antiche dimore – Mantova

10 gennaio – 3 marzo 2019, Casa del Mantegna – Mantova

Questo sito consente l’invio di cookies di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi. Per saperne di più o per negare il consenso ai cookies, consulta la nostra informativa. Se clicchi ACCETTO acconsenti all’attivazione dei cookies e potrai utilizzare tutte le funzionalità del nostro sito internet. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi